Flash Sicilia

Home / Blog / Flash Sicilia

English version

Qualche tempo fa scrissi una mail ad un’amica che si apprestava a trascorrere una vacanza in Sicilia: un tour lungo la costa, da Catania a Palermo di nemmeno tantissimi giorni. La mail conteneva piccoli flash su luoghi da vedere e posti dove mangiare. In questi anni l’ho riciclata molto e spedita a tutti quelli che mi chiedevano consigli su cosa vedere in Sicilia. Ho pensato allora di farne un post, trasformando questa comunicazione “privata” che si reitera ad ogni estate in informazione pubblica che gira a beneficio di tutti.

Cartina della Sicilia

Il tour non è per nulla esaustivo e si basa solo sulla mia conoscenza personale dei luoghi. La Sicilia è molto grande e una buona guida turistica acquistata in libreria vi aiuterà a scoprirla in lungo e in largo.

Il percorso parte da Catania e arriva a Palermo.

Per CATANIA un paio di consigli gastronomici

  • Pasticceria Savia per un buon cannolo
  • Granita di mandorle con brioche ovunque
  • Cucina di strada alla Friggitoria Stella (crispelle ricotta e acciughe / arancini / schiacciata di tuma catanese… e poi tutto quello che stuzzica l’appetito)

Non è che Catania non abbia cose da vedere, anzi, è una città vivace e ricca di monumenti , ma i primi destinatari della mail avevano un amico di Catania che li accompagnava in giro, quindi ho sorvolato. Se soggiornate a Catania prima di partire verso sud vale la pena un’escursione di un giorno a Taormina e sull’Etna.

SIRACUSA

  • Visita al parco archeologico, se avete tempo al museo archeologico
  • Passeggiata a Ortigia con visita al Duomo
  • Nella chiesetta più piccola accanto al Duomo c’è un Caravaggio
  • Giro in barca dell’isola di Ortigia e delle grotte. Fatelo, sembra una cosa tanto turistica ma è molto rilassante. Io l’ho fatto con un certo Gaetano, che a un certo punto ha fermato la barca, si è tuffato, è andato a raccogliere dei ricci di mare e ce li ha offerti . Prenotate il giro appena arrivati ad Ortigia se no rischiate di non trovare posto.
  • Riserva naturale Cavagrande: un posto incantato che non sembra Sicilia, un canyon dove scorre un fiumiciattolo che forma dei laghetti dove si può fare balneazione
  • Riserva naturale di Vendicari: un posto tranquillo con spiaggia, tonnara dove sembra si sia fermato il tempo
  • Spiagga Calamosche: un angolo di paradiso, una caletta tra le più belle spiagge di Sicilia
  • Noto: (Patrimonio dell’Unesco) uno dei paesi barocchi più sontuosi di Sicilia
  • Riserva naturale di Pantalica: (Patrimonio dell’Unesco) Un canyon costellato di grotte e tombe scavate nella roccia che fanno parte di una necropoli che vanno dal IX al XI secolo a.C.
  • Spiaggia di San Lorenzo: unica spiaggia sulla costa est di sabbia bianca con un bellissimo mare blu. In generale il mare nella parte sud est tende al verde, soprattutto nella parte di costa sabbiosa
  • Marzamemi: piccolo borgo di pescatori incantato, pieno di ristorantini di pesce, conviene una visita serale con cena annessa.

PROVINCIA DI RAGUSA

In provincia di RG si possono visitare alcuni paesini barocchi e i luoghi di Montalbano. Fate passeggiate dall’imbrunire in poi, che di giorno fa caldo e si sta meglio in spiaggia. Girate per il centro storico di queste città e scoprite la bellezza del Barocco siciliano e i luoghi della fiction di Montalbano. Il Commissariato di Montalbano sta a Scicli e nella realtà è il Municipio. State tranquilli, non vi perderete, sono paesi relativamente piccoli ed è tutto molto concentrato.

SCICLI / MODICA / RAGUSA IBLA (Patrimonio dell’Unesco)

  • A Scicli, ottime cene presso “La Grotta
  • Meno pretenziosa ma si mangiano piatti tipici “Osteria del ponte
  • A Modica un paio di trattorie dove si mangia bene, spendendo relativamente poco:
    • A putia ro vinu” (meglio prenotare), molto suggestiva perché dentro è una grotta
    • Taverna Nicastro” (meglio prenotare) si mangia all’aperto su una viuzza con una piccola scalinata

In provincia di Ragusa, in particolare a Modica ma anche a Scicli ci sono dei buoni posti per mangiare, non mancate però di approvvigionarvi per il pranzo o la cena presso le rosticcerie e assaggiare le “scacce“, ce ne sono di vari gusti, la classica è cipolla e pomodoro, ma troverete anche ricotta e salsiccia, melanzane e pomodoro e la suggestiva scaccia di prezzemolo, può risultare strana una pietanza a base solo di prezzemolo ma è la mia preferita.

E a Modica assaggiate il cioccolato Modicano, consiglio la pasticceria Bonaiuto sia per il cioccolato sia per un buon cannolo.

Spiagge in provincia di Ragusa:

La spiagge in provincia di Ragusa sono quasi tutte libere, ci sono delle strutture attrezzate, ma la spiaggia libera domina. Tra le più belle: Sampieri e Pisciotto, il litorale che da Bruca va verso Donnalucata, la Riserva naturale della foce del Fiume Irminio, la Riserva naturale di Randello.

Se volete fare un giro in barca a vela per le coste siciliane al porto turistico di Marina di Ragusa degli amici hanno un servizio di charter, li sponsorizzo volentieri perché ho sperimentato personalmente dei giri in barca con loro e la Sicilia vista dal mare acquista ancora un altro significato. Il loro sito è questo http://www.invictus-sicily.com.

DA AGRIGENTO A TRAPANI / PALERMO [sintetico, molto sintetico]

  • Tappa d’obbligo alla Valle dei Templi e volendo alla casa Natale di Pirandello
  • Escursioni da Agrigento: Piazza Armerina per visitare la “Villa del Casale” un’antica villa Romana, con dei magnifici mosaici (le prime donne in bikini furono rappresentate in quei mosaici) e imperdibile a Realmonte la spiaggia denominata “La scala dei Turchi
  • A seguire la spiaggia di Eraclea Minoa.
  • Lungo la strada costiera bella Selinunte anche per i resti archeologici… da qui in poi non conosco molto bene… ma i posti più visitati dai turisti sono le saline di Marsala e Marsala stessa, l’isola di Mozia,
  • Volendo un salto alle Egadi (anche un’escursione di un giorno).
  • Erice
  • Riserva dello Zingaro
  • San Vito lo Capo (Cous Cous di pesce)
  • Gibellina Nuova: ricostruita dopo il terremoto del 1968 è un museo di architettura moderna all’aria aperta. PEr chi ama l’arte contemporanea è un posto da non perdere
  • Palermo – Mangiare Pane e panelle, panino ca meusa (un po’ per stomaci forti) il cannolo che è diverso dalla zona sud, la cassata, il gelo di melone, non perdetevi lo sfincione (una pizza alta e soffice molto buona)
  • Monreale
  • Cefalù

Di tutte le località qui menzionate ci si può fare un’idea digitando il nome della località su Google e cercando “solo immagini”… un buon metodo per stabilire le priorità delle visite.

P.S. La condivisione di questa nota (perché è più una nota da block notes che un post vero e proprio) ha stimolato qualche commento su FB che aggiunge informazioni. Per cui riporto i commenti così non si perdono altre informazioni che possono tornare utili:

  • Il conterraneo Giovanni consiglia, e lo consiglio vivamente anche io, un tour almeno di in giorno alle Isole Eolie, e alla lista di spiagge della provincia di RG vi segnala Marina di Ragusa e Punta Secca (qui c’è la casa di Montalbano! minchia me l’ero scordato!)
  • L’amico di Roma, Andrea, ci consiglia di visitare Marzamemi di lunedì a pranzo, perché a pranzo il paesino diventa tutto tuo
  • L’amico Giuseppe segnala le gole dell’Alcantara dove è anche possibile fare body rafting. E’ un posto naturalistico molto bello tra Catania e Messina, fuori dall’itinerario proposto ma assolutamente degno di visita.
  • Anna, una collega di Torino, ci rammenta che la granita di Colicchia a Trapani e la pasticceria di Maria Grammatico a Erice sono tappe obbligate
  • Silvia, un’altra collega di Torino, aggiunge “che i paesi del barocco sono da vedere anche la sera, le luci arancio che illuminano i palazzi e le vie li rendono veramente affascinanti. La gente passeggia tranquilla nell’aria fresca della sera. A Scicli abbiamo trovato anche palazzi aperti di sera da visitare”
  • Il cugino Bartolo ci consiglia di fare un’escursione a Enna con il suo bel castello dei Normanni e la torre di Federico II, l’incantevole lago di Pergusa sempre di colore verde tranne nel mese di maggio, mese in cui diventa rosso a causa di “un piccolo “gambero” che, per difendersi dai raggi del sole estivo, si tinge di un pigmento rosso e si insedia in foltissime colonie sotto le piante acquatiche. Il pigmento si trasferisce poi all’acqua ai batteri che in essa vivono sino a trasformare lo specchio del lago in una sorta di vinaccia color mosto” [fonte wikipedia]

English Version – Flash Sicily

Some time ago I wrote an email to a friend who was preparing to spend a holiday in Sicily: a tour along the coast from Catania to Palermo. The email contained small suggestions about places to see and where to eat. Over the years I have recycled that email and sent it to all those who ask me for suggestions on what to see in Sicily. So, I thought to transform that email into a post, opening this “private” communication that I repeated every summer, to a public message for the benefit of all.

The tour is absolutely not exhaustive and it is only based on my personal knowledge of those places. Sicily is a very large island and a good travel guide will help you to discover it some of its most wonderful corners.

The tour starts from Catania and the final destination is Palermo.

CATANIA, a couple of gastronomic tips

  • Pasticceria Savia for a good “cannolo di ricotta”
  • Almond granita with brioche can be enjoyed everywhere
  • Street food at Friggitoria Stella (crispelle filled with ricotta and anchovies / arancini / schiacciata di tuma catanese … and all that whets your appetite)

Catania is a vibrant city, with many monuments, you’ll have plenty to see. I haven’t written any other information because the first addressee of my email had a friend in Catania who acted as his/her guide. If you stay in Catania, before heading to the south of Sicily, it is worth organising a day trip to Taormina and Mount Etna.

SYRACUSE

  • Visit the archaeological park and if you have time the archaeological museum as well
  • Walk through the streets of Ortigia and visit the Cathedral and the wonderful Duomo Square
  • In the smaller church close to the Cathedral there is a Caravaggio painting
  • Boat tour of the island of Ortigia and the sea caves. Do it, it would seem only a tourist attraction, but it is very relaxing. I did this boat tour with a guy called Gaetano, during the tour he stopped the boat, dived, went to collect sea urchins and offered them to us. Book the tour as soon as you arrive in Ortigia, otherwise you run the risk that it’ll be fully booked.
  • Cavagrande Nature Reserve: an enchanted place, it’s as if it wasn’t in Sicily, inside a canyon a small river forms three small lakes where you can bathe, and there is also a small waterfall
  • Vendicari Nature Reserve: a quiet place, a mixture of lagoons, sand dunes, rocky coastlines, and sandy beaches.
  • Calamosche Beach: a corner of paradise, a little cove with a beach, one of the most beautiful beaches of Sicily
  • Noto (Unesco World Heritage): one of the most sumptuous Baroque towns of Sicily
  • Pantalica Nature Reserve (Unesco World Heritage): a canyon dotted with caves and rock-cut tombs that are part of a necropolis ranging from the ninth to the eleventh century BC
  • San Lorenzo Beach: the only beach on the east coast of Sicily with white sand and a beautiful blue sea. In general the sea in the south east on Sicily is green, especially in the coastal sandy
  • Marzamemi: an enchanted small fishing village, full of seafood restaurants, I suggest an evening visit with a dinner in one of the typical restaurants

PROVINCE OF RAGUSA

In the province of Ragusa you can visit some Baroque little towns and the set locations of the “Inspector Montalbano” fiction. Take your walks in this towns from sunset onwards, remember that in the morning and in the first hours of the afternoon is very hot in Sicily, so it’s better to stay on the beach.

Wonder around the historic center of this towns and discover the beauty of the Sicilian Baroque and the places where the “Inspector Montalbano” fiction was show. Montalbano’s police headquarters are in Scicli (actually is the Scicli Town Hall). Don’t worry, you will not get lost in these towns, they are relatively small and all the monuments and historical buildings of relevance are in the city centre.

SCICLI / MODICA / RAGUSA Ibla (Unesco World Heritage)

  • In Scicli, excellent dinners at “La Grotta
  • Osteria del ponte” is less pretentious but very typical
  • In Modica, a few restaurants where you eat well, spending relatively little:
    • A putia ro vinu” (it’s best to book), very impressive because it is inside a cave
    • Taverna Nicastro” (it’s best to book) you can have your meal outside on a small street with a small stairway

In the province of Ragusa, in particular in Modica, but also in Scicli, there are some good places where to have a good lunch or dinner, but do not forget to provision both for the lunch and the dinner in the typical “Tavola calda / Rosticceria”, a sort of take-away bar where you can buy the tasty “scaccia“. Scaccia is prepared with various flavors, the classical is “onion and tomato”, but there is also “cheese and sausage”, “eggplant and tomato” and the impressive scaccia with parsley. It may seem strange to have a a dish made only with parsley, but I can assure you it is very tasty, it’s my favorite.

In Modica don’t miss the Modica chocolate, I suggest to buy it in Bonaiuto pastry shop. During your visit in the shop, it is worth trying the cannoli with ricotta

Beaches in the province of Ragusa:

The beaches near Ragusa are all almost free, some are with facilities and you can rent beach chairs and umbrellas, but free beaches are the norm. Some of the most beautiful beaches: Sampieri and Pisciotto, the coastline from Bruca to Donnalucata, the Irminio River Natural Reserve and the Randello Natural Reserve.

If you want to take a sailing tour along the coast of Sicily, from the port of Marina di Ragusa some friends of mine have a sail charter service. I willingly sponsor them because I have personally experienced their boat tours and I can assure that Sicily viewed from the sea is altogether a new experience. Their website is this: http://www.invictus-sicily.com

FROM A AGRIGENTO TO TRAPANI / PALERMO [synthetic, very synthetic]

  • In Agrigento a must is the Valley of the Temples and if you like literature a visit to the Pirandello house
  • Excursions from Agrigento: Piazza Armerina to visit the “Villa del Casale” an ancient Roman villa, with magnificent mosaics (the first women in bikinis were represented in those mosaics) and you also cannot miss the beach called “La scala dei Turchi” (The stair of the Turkish) in Realmonte
  • Along the coast road the Eraclea Minoa beach, the beautiful Selinunte beach, famous for its archaeological remains… and them, from herewards on I do not know Sicily very well… but the places most visited by tourists are:
  • The saltern of Marsala and Marsala itself
  • The island of Mozia.
  • If you have time, plan a trip to the Aegean archipelago (also a day trip)
  • Erice
  • Zingaro Nature Reserve
  • San Vito lo Capo (try cous cous with fish)
  • Gibellina Nuova: rebuilt after the earthquake of 1968, is an open air museum of contemporary architecture. For those who love contemporary art is a place not to be missed.
  • Palermo – Eat “pane e panelle”, “ca meusa” sandwich (for strong stomachs), the ricotta cannoli which are different from those of the south, cassata, melon jelly, do not miss the “sfinciuni” a high, soft and very good Sicilian pizza
  • Monreale
  • Cefalu

For all of the places I mentioned here you can get an idea by typing the name of the location on Google and searching for “images” … a good way to prioritize your visits.

P.S. Sharing this text on Facebook has induced some comments on my Facebook post with suggestions about other great places to see in Sicily. So I thought to quote that comments here in order not to lose other useful information:

  • My Sicilian friend Giovanni recommends, and I highly recommend it too, a tour of at least a day in the Aeolian Islands, and to integrate the list of beaches in the province of Ragusa he recommends Marina di Ragusa and Punta Secca beaches (Montalbano house is in Punta Secca ! Fuck I’d forgotten it!)
  • My friend from Rome, Andrea, recommends visiting Marzamemi on Monday at lunch, because at lunch the village becomes all yours
    My friend Giuseppe suggests the “Gole dell’Alcantara” where you can also do body rafting. It ‘a very nice natural place between Catania and Messina, it is off of the proposed route but absolutely worth a visit.
  • Anna, a colleague from Turin, reminds us that the granite by Colicchia in Trapani and Maria Grammatico pastry in Erice are a must
  • Silvia, another colleague from Turin, adds “that the Baroque towns in province of Ragusa have to be seen in the evening, the orange lights that illuminate the buildings and the streets make them really fascinating. People walk in the cool quiet of the evening. In Scicli we have also found historical buildings open in the evening to visit”
  • My cousin Bartolo suggests to make a trip to Enna with its beautiful Norman castle and the Federico II tower, the beautiful lake of Pergusa, it is always green except in the month of May in which it becomes red due to “a little” shrimp “that, to defend themselves from the rays of the summer sun, is tinged with a red pigment and settles in very big colonies under aquatic plants. The pigment is then transferred to the water to bacteria that live in it and transform the lake is in a sort of burgundy color”[source Italian wikipedia]

4 thoughts on “Flash Sicilia

  1. Buongiorno Vincenzo,
    sono una collega di Flkavio Piovesan, che mi ha parlato di lei e del sito, girandomelo. Stiamo pensando a una vacanza estiva, dal 4 di agosto al 18 più o meno. Si sbarcherebbe a Messina, da Villa San GGiovanni,e poi è tutto da invenatre.
    Suggerimenti?

    Nel caso, grazie.
    Carla Piro Mander

    1. Dipende da quanto tempo avete a disposizione. Ci sono almeno tre alternative:
      1) Il giro di tutta la costa (almeno tre settimane), oppure in un paio di settimane si può scegliere se andare
      2) verso Palermo / Trapani ed esplorare la parte nord della Sicilia tra mare e montagna, in questo percorso incontrerete il Parco Naturale dei Nebrodi e il Parco Regionale delle Madonie nonché le Isole Eolie, la costa Palermitana con Cefalù e Mondello, Palermo stessa e poi verso Trapani la Riserva dello Zingaro;
      3) la terza alternativa è andare verso sud passando per Taormina / Gole dell’Alcantara / Catania / Siracusa e spingersi fino ad Agrigento secondo il percorso descritto nel post. Temo che in un giro così itinerante sia necessario prenotare un po’ di pernottamenti in anticipo se no c’è il rischio di viaggiare con il patema di non sapere dove andare a dormire.

      Un altra cosa che si può fare è fare base in un punto strategico e poi fare escursioni giornaliere. In questo caso se volete visitare la parte est / sud, la provincia di Ragusa può essere un buon compromesso, si arriva a Catania in un’ora mezza, a Noto, Siracusa e Marzamemi in meno di un’ora, ad Agrigento e Scala dei Turchi in due ore e mezza circa.

      Se invece volete visitare la parte occidentale dirigetevi verso Trapani, fate tappa in quella zona e poi esplorate la zona di Trapani, Palermo, Marsala, volendo fino ad Agrigento.

      Spero di esserti stato d’aiuto.

  2. Bravo Vincent! Ottima idea…. Sto leggendo comodamente rilassata sul divano e mi immagino nei posti che descrivi. Devo assolutamente andare in Sicilia!!!
    Quando sarà mi avvarrò della tua amorevole conoscenza dei luoghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *